UtUnumSint

 

  Battesimo del Signore 10.01.2021: Un nome per Lui 

 

.Ave Maria, fratelli, il Regno di Dio è tra voi!

 

Pensiero per oggi:  - Dare un nome è dire ciò che uno è per noi -

 

La vita dell’uomo non è nel mondo, né nelle istituzioni, ma in Dio, nel conoscere Dio. “E’ necessario che Egli cresca e che io diminuisca”, diceva Giovanni Battista nei riguardi di Gesù. In un mondo in cui ognuno pensa a far crescere se stesso e non tiene conto di Dio, Giovanni Battista rappresenta l’inversione di marcia, la rottura. E’ la conversione necessaria per iniziare la vita, perché il mondo pensando a se stesso si distrugge. E’ necessario far crescere Dio. L’uomo vive nella misura in cui conosce e glorifica Dio. Il crescere di Dio in noi è nostra vita. Dio per darci la possibilità di farLo crescere e diventare così nostra vita si è annullato al punto di farsi oggetto del nostro pensiero, Lui che è il Creatore, il Principio del nostro pensiero, si è posto nelle nostre mani e ci ha detto: fa’ di Me quello che vuoi. Non abbiamo capito che in Lui era tutta la nostra luce, tutta la nostra vita. In Lui è ogni sapienza di vita, è la nostra pace. Dio cresce in noi con la conoscenza. Per cui nel trovare e nel conoscere Dio è il momento decisivo della vita di ogni uomo.

 

Brano del Vangelo di oggi: s. Marco cap. I n. 7/11

Quando venne il tempo Dio chiamò Giovanni nel deserto in cui viveva nutrendosi di locuste e miele selvatico, e lo mandò sulle rive del Giordano a predicare la penitenza in preparazione all’incontro con il Messia che stava per venire.

 

LA MESSA

 

INTROITO – Gesù venne da Nazareth della Galilea

(E’ necessario sapere riconoscere il Verbo di Dio che viene a noi se vogliamo iniziare la vera vita, la nostra Messa).

.Cristo viene a te: lasciati riempire la mente, il cuore, la vita della sua Luce.

 

 

LETTURE – A farsi battezzare da Giovanni nel Giordano.

.Perché, dice Isaia, spendete il vostro denaro e la vostra vita in ciò che non è pane; perché spendete il vostro tempo in ciò che non è vita e non dà vita, né luce? Cercate Dio mentre si fa trovare, invocateLo  mentre è vicino: Egli vi inonderà l’anima della sua Luce.

 

 

VANGELO – Vide i cieli aperti e lo Spirito discendere come colomba.

.Giovanni vide in Gesù il Messia per tutte le genti e lo proclamò: “Io ho visto e rendo testimonianza che Costui è il Figlio di Dio: Egli vi battezzerà con lo Spirito Santo”.

 

 

OFFERTORIO – E fermarsi su di Lui.

.In Lui è la luce per tutte le genti, per ogni uomo: una luce che apre gli occhi ai ciechi e accieca coloro che credono di vedere; libera dal carcere coloro che si sentono schiavi del male, e mette in carcere coloro che si credono giusti: per usare a tutti misericordia.

 

 

CONSACRAZIONE – Tu sei il mio Figlio diletto!

.Questo è il mio Corpo, questo il mio Sangue sparso

 

 

COMUNIONE – In Te mi sono compiaciuto.

.Concedimi, Signore, di accogliere nella mia mente il tuo donarti infinito per restare in tutto con Te come Tu sei con me in tutto.

 

Conclusione: Il Creatore viene per essere riconosciuto dalla creatura. Lui che dà l’esistenza e il nome a tutte le creature viene a chiederci quale nome gli vogliamo dare. Lui che accoglie e dà riposo, viene a bussare alla nostra porta per essere accolto. E noi che abbiamo bisogno di essere conosciuti, siamo chiamati da Lui a conoscerLo; noi che abbiamo bisogno di essere amati, siamo chiamati ad amarLo; noi che ci sentiamo soli siamo chiamati a non lasciarLo solo. Così Dio si mette nelle nostre mani per diventare nostra vita e noi viviamo per quello che ci dedichiamo a Lui per conoscerLo, poiché conoscere Dio è vivere.